Tra il dire e il fare c’è di mezzo la paura

Bali Jatiluwih

Sono tornata da poco da un viaggio di circa tre settimane nel Sud-Est asiatico, ed è dal giorno della partenza che mi frulla in testa di scrivere questo post.

Non parlerò di cibo, né di viaggi, e anche se mi imbarazza mettere a nudo questa parte di me, sento di volerla condividere.

Dovete sapere che io ho una grande paura di volare, che si accentua ogni volta che è da un po’ di tempo che non volo. E in questo caso era davvero da tanto.

Il momento peggiore è sempre poco prima del decollo, in quei minuti tra il momento in cui il comandante annuncia “Crew, take your seats”, quando informa il personale di bordo di prendere posto, e l’accensione dei motori, che con forza ti spingono contro il sedile e danno inizio all’effettivo decollo.

La paura di volare può sembrare ridicola a chi non la conosce. “L’aereo è il mezzo più sicuro al mondo”, è la classica risposta, non appena parlo di questa mia paura.

singapore_8534

Ma la paura è irrazionale, è un infestante che si insinua nella nostra testa, ci mette le radici. E ci blocca.

Che sia paura di volare, paura di viaggiare, paura di un cambiamento, paura di fare una scelta, non fa differenza. La paura si manifesta sempre come un muro tra noi e quello che vogliamo ottenere.

Il problema però non è provare o meno quella paura. Il problema è quando non facciamo le cose – soprattutto le cose che amiamo – a causa della paura.

Ed è questo il punto. Visualizzare la meta (che sia una città sognata, una risaia, un piatto di noodle nel mio caso) e abbattere questo muro, mattone per mattone.

Io sono felice perché ho iniziato il 2017 prendendo 6 voli, senza i quali non avrei visto le Petronas e le Batu Caves di Kuala Lumpur, non mi sarei innamorata dello skyline di Singapore (e del suo cibo, del suo quartiere coloniale, e della sua Chinatown), non mi sarei persa nel verde di Bali, tra risaie e giardini tropicali e non avrei vissuto il mio primo capodanno cinese. E tantissimo altro.

Quante cose oltre quel muro.

Summary
Article Name
Tra il dire e il fare c'è di mezzo la paura

This post is also available in: Inglese

More from Daniela Barutta

Torta di mele e cannella

Mele e cannella. Pochi altri ingredienti riescono con tanta facilità a creare...
Read More

2 Comments

  • Ciao Daniela…
    la tua paura non mi è icomprensibile per niente! Io ce l’ho uguale uguale. Quindi posso capirti alla grande…anzi: delle paure che hai citato io ne ho già due, volare e i cambiamenti.Pensa come sono messa!
    Spero anche io di passare un 2017 all’insegna del coraggio…proprio come stai riuscendo a fare tu..
    Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *