Focaccia genovese

Se riempiamo un cestino a metà con del pane e metà con della focaccia, quale dei due finisce prima? Non ho dati scientifici alla mano, ma mi sento di rispondere che nel 99,9% dei casi è la focaccia a terminare per prima.

Acqua, farina, sale e dosi consistenti di olio extravergine di oliva sembrano creare quell’alchimia perfetta che fa salivare al solo pensiero.
E se pensiamo alla focaccia, la nostra mente non può che andare a una sola regione italiana che la ama talmente tanto da mangiarla anche a colazione accompagnata da un cappuccino: la Liguria.
La vera focaccia genovese, o fugässa come viene chiamata in molte parti della Liguria, lascia le dita unte e le labbra salate. Non deve essere più alta di 2 cm, è leggermente croccante fuori e morbida dentro, con tanti buchi umidi e resi biancastri dalla salamoia con cui viene coperta la focaccia prima dell’ultima lievitazione.

La ricetta che vi propongo è tratta dal blog di Viva la Focaccia, che ho adattato seguendo alcuni passaggi e consigli di Ezio Rocchi su Scatti di Gusto.
State attenti a non strappare l’impasto – come è successo a me – mentre fate le fossette alla focaccia. Solo così la salamoia potrà fare il suo lavoro e mantenere i buchi ben umidi e biancastri. La salamoia sembra tanta, ma fidatevi, serve tutta!

Pane e focacce sono il tema di questo mese di Cucina Conversations e se volete curiosare tra le ricette delle altre blogger, trovate i link in fondo a questo post!

focaccia-genovese

FOCACCIA GENOVESE

Ingredienti per una teglia di 40 x 25 cm

300 g farina 0
190 g acqua a temperatura ambiente
20 g olio extravergine di oliva + olio extra per la teglia
7 g sale
3 g malto
16 g lievito di birra

per la salamoia (dosi di Ezio Rocchi):
100 ml acqua
5 g sale
25 g olio extravergine

1.Iniziamo preparando il lievitino: nella ciotola della planetaria sciogliere il lievito e il malto in 100 g di acqua e unire 100 g di farina. Coprire e lasciar riposare per circa 20 minuti.
2. Unire l’olio, l’acqua e la farina rimanente azionare la planetaria, usando la foglia. Quando l’impasto inizia a formarsi unire il sale.
3.Sostituire la foglia con il gancio e lavorare l’impasto per una decina di minuti, interrompendo circa ogni tre minuti e ribaltando l’impasto nella ciotola.
4.Mettere l’impasto su un tagliere infarinato e coprirlo con pellicola e un telo per tenerlo al caldo. Far riposare così per 30 minuti.
5.Appiattire l’impasto con le mani e chiudere l’impasto a portafoglio (piega del primo tipo). Coprire con pellicola e straccio e far riposare ancora 30 minuti.
6.Stendere l’impasto con un mattarello, facendo attenzione alle misure della teglia. Oliare bene una teglia, meglio se antiaderente, e adagiarvi sopra l’impasto. Coprire con uno straccio e far lievitare in forno spento con la luce accesa per circa 1 ora e mezza.
7.A questo punto è importante che l’impasto abbia riempito completamente la teglia. Praticare con le tre dita centrali i caratteristici buchi della focaccia genovese, affondando bene la falange ma facendo attenzione a non bucare l’impasto.
5.Per non rallentare la lievitazione, la salamoia non deve essere fredda; quindi scaldare poco l’acqua (a circa 30°) e sciogliervi il sale e in una bottiglietta unire anche l’olio. Versare sull’impasto, cercando di non far scappare i liquidi al di sotto dell’impasto.
6.Far lievitare ancora coperta da un telo e nel forno spento con luce accesa per 50 minuti.
7.Togliere la teglia e scaldare il forno a 240°. Quando la temperatura è stata raggiunta, infornare per circa 15 minuti. Quando è pronto, toglierla subito dalla teglia e se volete, spennellatela con dell’olio extravergine.

Enjoy!

Le altre ricette di Cucina Conversations a tema pane e focacce:
Rosette soffiate di The Heirloom Chronicles
Tigelle di Pancakes e Biscotti
Focaccia di Recco di Italian Kiwi

Summary
Recipe Name
Focaccia genovese
Published On
Average Rating
5 Based on 1 Review(s)

This post is also available in: Inglese

Tags from the story
More from Daniela Barutta

Il mio food tour di Berlino

Quando programmo un viaggio, la prima cosa che faccio (ancor prima di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *