Confettura di marroni

confettura-di-marroni

Sono da poco rientrata da un intenso viaggio tra New York e gli stati del New England. Ho trascorso due settimane bellissime, in luoghi che desideravo vedere con i miei occhi da tempo. Ma c’è una cosa che mi manca sempre quando parto il mese di ottobre: la raccolta delle castagne.

Mi piace vivere le stagioni e sfruttare ciò che la natura offre nella zona in cui vivo.
Le castagne sono assolute protagoniste dell’autunno, ma la raccolta si concentra nelle settimane centrali di ottobre.
Appena tornata dal viaggio, non ho potuto resistere e ho acquistato dei costosi marroni per mettermi ai fornelli e dedicarmi a due preparazioni che amo moltissimo: la torta di castagne e la confettura.

Entrambe queste ricette vengono realizzate con le ballotte (come vengono chiamate in Versilia), ossia castagne bollite e poi sbucciate. La loro esecuzione si può definire un vero atto di amore (o di pazzia): togliere la pellicina alle castagne lesse è un operazione lunga, noiosa e pure dolorosa.

Quest’anno mi è andata un po’ meglio, perché al mercato ho acquistato i marroni, una varietà di castagne di taglia grande e caratterizzati da una pellicina sottile e superficiale che si rimuove con migliore facilità rispetto alle classiche castagne.

Sul blog trovate già in archivio la ricetta della torta di castagne, oggi condivido la confettura di castagne che preparo ogni anno. Ne preparo talmente poca, ed è talmente buona, che la conservo direttamente in frigo senza pastorizzare i barattoli. Se ne preparate in quantità (che coraggio!), vi consiglio di far bollire i barattoli di confettura per circa 45 minuti, e farli raffreddare nella stessa acqua. Così avrete la certezza di ottenere il sottovuoto.

Questa ricetta fa parte di Cucina Conversations di ottobre, tutto sul tema delle conserve. Date un occhiata in fondo al post per scoprire le altre ricette!

confettura-di-marroni

CONFETTURA DI MARRONI

Per due barattoli medi:

400 g di marroni freschi
180 g di zucchero semolato
200 ml di acqua

1.Fare un taglio a croce sulla buccia della castagne e metterle a bollire fino a quando sono tenere. I tempi di cottura variano in base alle dimensioni dei frutti, ma indicativamente mezz’ora.
2.Sbucciare le castagne e togliere la pellicina quando sono ancora un po’ calde (è più facile!) e schiacciare le castagne spellate al passaverdura. L’operazione è un po’ lunga e noiosa ma necessaria per ottenere una purea perfetta.
3.In un pentolino versare la purea di castagne, l’acqua e lo zucchero. Far cuocere su fiamma media per circa 20 minuti, mescolando di continuo. La confettura è pronta quando si sarà addensata, ma avrà ancora una certa fluidità. Non fatela rassodare troppo, raffreddandosi diventerà più densa.
4.Versare in barattoli sterilizzati e chiudere con il tappo. Se si desidera conservarla a lungo, procedere con la pastorizzazione dei vasetti, altrimenti lasciar intiepidire e riporre in frigorifero.
Enjoy!

Le altre ricette di Cucina Conversation di questo mese:

 

Summary
Recipe Name
Confettura di marroni
Published On
Average Rating
5 Based on 1 Review(s)

This post is also available in: Inglese

Tags from the story
More from Daniela Barutta

Pappardelle con porri stufati e pangrattato ai porcini

Non è una novità che io adori Jamie Oliver. Sul blog ho già...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *