Scarpaccia dolce viareggina

Scarpaccia dolce viareggina

Da tre anni a questa parte, da quando ho un piccolo pezzo di terra da coltivare ad orto, ci sono loro che mi fanno capire che l’estate sta per arrivare, le zucchine.

Già a fine maggio iniziano a spuntare i primi fiori maschi, quelli fatti di solo stelo e fiore, e il cui polline è vitale per fecondare i fiori femmina e far crescere il frutto a loro attaccato, le zucchine vere e proprie.

Qui in Versilia, in molti abbiamo l’orto, che sia un campo esteso, o una piccola lingua di terra. Non è un caso quindi, che una preparazione tipica dell’estate nelle case di questa zona sia a base di questo frutto della terra.

Fiore di zucchina

Zucchina, orto

La Scarpaccia è una torta a base di zucchine, che a Viareggio viene preparata dolce, mentre a Camaiore è salata.

Nessuno si stupisce a mangiare un dolce con le carote, ma l’utilizzo di altre verdure in una preparazione dolce risulta generalmente insolito. In realtà, soprattutto varcando i confini nazionali, si trovano molte ricette tradizionali o moderne, che ne fanno uso. Per esempio un dolce tipico e rustico di Nizza è la tourte aux blettes sucré, a base di bieta (ne parlo anche nel mio food tour di Nizza), e se diamo un’occhiata alle ricette salutistiche di stampo anglosassone compaiono di frequente cake con zucchine o barbabietole.

A Viareggio è la tradizione che vuole la scarpaccia dolce. Non siate scettici, provate a farla, o se passate in Versilia entrate in un forno ed assaggiatene un pezzo. Io di solito la preparo in casa, ma ho trovato buona la versione dell’Alimentare Casani (via Pacinotti 16, Viareggio). La preparano solitamente su prenotazione per il martedì e il giovedì.

Scarpaccia, alimentari Casani

A Viareggio ogni casa ha la sua ricetta. Io ne ho provate diverse, con l’olio o con il burro, e questa è diventata la mia versione. L’imperativo è utilizzare tante zucchine, le più tenere e giovani, di un verde chiarissimo e piccole quanto un mignolo o poco più. Solo in questo modo, il dolce verrà incredibilmente delicato e squisito.

SCARPACCIA DOLCE VIAREGGINA

ingredienti per una tortiera di 23 cm

350 g di zucchine, piccolissime e verde chiaro
1 uovo
70 g di zucchero
1/3 di bacca di vaniglia
100 g latte
70 g di burro fuso (oppure 60 g di olio evo)
130 g di farina

olio evo, basilico
1 pizzico di lievito in polvere
burro e zucchero di canna per la tortiera

scarpaccia dolce viareggina

1.Preriscaldare il forno a 200°. Lavare e asciugare con cura le zucchine; affettarle sottilmente.

2.In una ciotola sbattere, senza montare, un uovo insieme allo zucchero e ai semi di 1/3 di bacca di vaniglia. Unire il latte, il burro fuso tiepido, la farina e il pizzico di lievito setacciati ed amalgamare bene.

3.Aggiungere le zucchine, e versare il composto in una tortiera imburrata e rivestita di abbondante zucchero di canna. Livellare per bene le zucchine, spezzettarvi sopra due foglie di basilico e dare un giro d’olio.

4.Infornare nel livello più basso del forno per 10 minuti a 200°, poi abbassare la temperatura a 180° e continuare la cottura per altri 40-50 minuti, fino a quando la superficie risulterà abbronzata. Per ottenere un effetto quasi bruciacchiato, tipico della scarpaccia, è sufficiente alzare la teglia e farla andare circa 5 minuti sotto il grill del forno.

Servire tiepida o a temperatura ambiente, così com’è o cosparsa con un po’ di zucchero a velo.

Enjoy!

Summary
Recipe Name
Scarpaccia dolce viareggina
Published On
Total Time
Average Rating
5 Based on 3 Review(s)

This post is also available in: Inglese

Tags from the story
,
More from Daniela Barutta

Il Capocollo di Martina Franca del Salumificio Santoro

Nel racconto sulla Valle d'Itria, ho lasciato in sospeso Cisternino perchè qui...
Read More

2 Comments

  • Io sono una di quelle che le zucchine le vedrebbe salate per tutta la vita,alla faccia dell’azzardo…però mi pare che la torta in questione abbia proprio un suo bel perchè, soprattutto se si vogliono domare le quantità ingenti di zucchine che in questa stagione cominciano a riempire le ceste!
    Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *